Archivio mensile:febbraio 2014

Il gioco d’azzardo italiano è preso come modello

Certamente è quasi un paradosso, ma nonostante in Italia il gioco in generale ed in gaming in particolare in Italia sia “ostacolato” e “demonizzato” all’estero viene tenuto in alta considerazione e Paesi come il New Jersey o l’Illinois stanno studiando il mercato italiano e compiendo azioni che ricalcano il nostro modello di gioco. Sembra assurdo, ma è così, quindi significa che in fondo in fondo le nostre normative e quello che è stato creato nel mondo del gioco legale non è così negativo…. Certo si potrà fare di meglio ed allargare la tutela dei giocatori più giovani e le persone ritenute “soggetti deboli”, ma il più forse è fatto: altrimenti significherebbe che i Paesi molto lontani dal nostro prendono come esempio qualcosa… di “pericoloso e malfatto”, ma tutti sappiamo che non è così, forse anche i benpensanti.

Il mercato italiano del gaming è senza dubbio tra i più competitivi del mondo e per questo rappresenta un’importante sfida per le aziende che vi operano: fino a qualche anno fa c’era una vera e propria battaglia sul prezzo, ma a lungo andare tutto questo si era dimostrato negativo per la qualità del prodotto immesso sul mercato. Ora si sta invece assistendo alla ricerca della qualità da parte degli operatori e questo apre senz’altro nuovi orizzonti e porterà buoni risultati. Senza dimenticare che sul mercato del gioco, in generale, si potrà avere un nuovo slancio con l’avvento della nuova generazione di apparecchi che si attende da tempo e che…. sta per arrivare finalmente!